fbpx

A cosa serve la Riabilitazione Equestre? L’Ippoterapia?

presso Centro G. De Marco

Quali sono – se ci sono – i benefici della Riabilitazione Equestre?

Molti genitori – e non solo – ci chiedono quali sono i benefici della Riabilitazione Equestre, i vantaggi di una Terapia fatta in collaborazione con un Cavallo. Proviamo qui a rispondere.

Una volta qualcuno disse: “I cavalli ci prestano le ali che ci mancano per volare tra i sogni e scoprire la libertà”.

Se questa frase può trovare conferma per chi si approccia all’equitazione come hobby o come sport, tanto più per chi se ne serve in un percorso terapeutico. La Riabilitazione Equestre, infatti, è capace di restituire la libertà a persone segnate da una patologia motoria o psichica e per le quali un percorso terapuetico tradizionale non ha sortito i risultati sperati.

Martina De Angelis NeuroPsicoMotricista dell'Età Evolutiva
Martina De Angelis NeuroPsicoMotricista dell’Età Evolutiva

In questo articolo cercheremo di spiegare cosa può rappresentare per il paziente la Riabilitazione Equestre (o meglio conosciuta come Ippoterapia) e quali sono i benefici che ci possiamo aspettare da un percorso terapeutico di questo tipo.

Riabilitazione Equestre: più che una Terapia

Una prima caratteristica della Riabilitazione Equestre,  che balza subito all’attenzione, riguarda l’ambiente dedicato alla terapia stessa: un ambiente demedicalizzato nel quale gli operatori non usano neppure il loro camice come forse farebbero a studio.

In un ambiente del genere i pazienti che precedentemente si erano già rivolti ad altri professionisti, ma che non avevano raggiunto i risultati sperati, riescono ad avere nuovi stimoli per il proseguo del proprio percorso terapeutico. Sperimenteranno in prima persona come, immersi nella natura, all’aria aperta, in un contesto dove si favorisce l’integrazione tra disabilità e “normodotati”, è possibile riuscire ad ottenere risultati sorprendenti.

Questi ultimi avvengono anche perché in un ambiente del genere cambia completamente la percezione che ha il paziente della terapia, rispetto ad una terapia tradizionale. La Riabilitazione Equestre si basa sui principi dell’equitazione e si inserisce in un ambiente quasi apparentemente sportivo. Il paziente con difficoltà motorie avrà dunque la percezione di praticare uno sport a tutti gli effetti, e ciò gli conferirà nuovi stimoli e nuove sensazioni positive.

Per chi è adatta la Riabilitazione Equestre

La Riabilitazione Equestre è una terapia pensata per soggetti affetti da patologie neuromotorie e patologie psichiche.

Tra le patologie neuromotorie che possono essere sostenute da un percorso di Riabilitazione Equestre possiamo includere:

  • Paralisi Celebrali Infantili
  • Sindromi da lesioni cerebrali;
  • Disturbi della regolazione di tono muscolare;
  • Disturbi della coordinazione;
  • Impaccio motorio;
  • Disprassia.

Riabilitazione Equestre e Terapia a Mezzo Cavallo

Le patologie psichiche, invece, su cui si può lavorare attraverso un percorso terapeutico con la Riabilitazione equestre sono:

  • Ritardo mentale;
  • Disturbo da deficit di attenzione;
  • Disturbi cognitivi e comportamentali;
  • Disturbi dello sviluppo neurobiologico, come l’Autismo;
  • Patologie psichiatriche;

RIBILITAZIONE EQUESTRE: BENEFICI NEURO-MOTORI

Lo scopo principale della Riabilitazione Equestre è quello di riportare la persona con disabilità neuro-motorie a superare le difficoltà di movimento create a seguito di un danno del sistema neuro-motorio, e ridarle quella libertà tanto ricercata e tanto sognata.

A questo scopo, il movimento del cavallo nelle sue andature riveste un ruolo centrale: l’animale, infatti, grazie al movimento tridimensionale e sinusoidale del suo passo, va a riprodurre un movimento simile a quello che si verifica nel passo dell’uomo. Ciò significa che tutti i soggetti che non hanno mai camminato o che camminano con schemi scorretti, si trovano, mentre sono a cavallo, in una situazione paragonabile ad una deambulazione corretta e fisiologica con conseguente effetto positivo a livello del bacino, del tronco, dei cingoli, degli arti superiori e del capo, con stimolazioni delle reazioni di raddrizzamento ed equilibrio.

La Riabilitazione Equestre permette di ottenere anche dei miglioramenti a livello muscolare esattamente come quando si pratica uno sport con costanza si ottengono dei risultati in termini di postura e tonificazione muscolare.

Ecco dunque riassunti, i benefici neuro-motori principali che si possono ottenere attraverso la Riabilitazione Equestre

  • Regolarizzazione del tono muscolare, grazie al lavoro svolto a cavallo che aiuta lo sviluppo armonioso e globale dei diversi sistemi muscolari;
  • Stabilizzazione del bacino, grazie alla corretta postura in sella al cavallo;
  • Raddrizzamento e controllo del tronco, grazie alle spinte che produce il cavallo nelle sue varie andature;
  • Miglioramento dell’equilibrio, in quanto l’andatura del cavallo crea una situazione paragonabile ad una deambulazione corretta;
  • Riduzione dei movimenti involontari.
Riabilitzione Equeste e Benefici Neuro Motori
Un momento di Riabilitazione Equestre presso il C.R.E. G. De Marco ONLUS

Riabilitazione Equestre e i benefici neuro-psicologici

A livello neuro-psicologico possiamo avere un duplice effetto: i benefici che derivano dalla natura della relazione stessa tra uomo e cavallo, e i benefici a livello psicologico del paziente.

Quella tra il paziente e il cavallo, risulta essere una relazione molto differente da quella che può esserci tra una persona e il suo piccolo animale da compagnia. Il cavallo, essendo molto sensibile, riesce a capire a fondo e a comprendere gli stati d’animo e le variazioni di umore del suo “amico” umano, creando con lui una relazione empatica molto profonda, necessaria al paziente, nel processo di integrazione nella società. Il paziente vedrà cosi un forte miglioramento nella qualità dei suoi rapporti interpersonali e la sua comunicazione verbale e non sarà stimolata maggiormente.

Per quel che rigurada i benefici picologici della Riabilitazione Equestre, gioca un ruolo centrale il prendersi cura di un altro essere vivente (il cavallo). Lavorare per prendersi cura del cavallo, pone il paziente al centro delle esigenze dell’animale stesso il quale deve far per forza riferimento all’essere umano per vedere soddisfatti particolari bisogni di cui necessità. Il paziente acquisirà, quindi, nozioni e competenze specifiche favorendo così la crescita di autostima ed indipendenza.

Riassumendo potremmo così riassumere i principali benefici neuro-psicologici della Riabilitazione Equestre:

  • Stimolazione della comunicazione verbale e non verbale;
  • Miglioramento della qualità dei rapporti interpersonali;
  • Capacità di rispettare le regole;
  • Inserimento ed integrazione sociale, sportiva e lavorativa;
  • Migliormanto di abilità cognitive di base come ragionamento, problem-solving, creatività, attenzione e memoria;
  • Acquisizioni di nozioni e competenze specifiche;
  • Autostima e immagine positiva di sè;
  • Senso di responsabilità. 

Abbiamo dunque visto quanti benefici il paziente può trarre da un nuovo percorso di Riabilitazione Equestre. Per concludere, dunque, possiamo affermare che la Riabilitazione Equestre è molto piu che un percorso terapeutico: è una porta che si spalanca verso quella libertà tanto sognata, ancora non raggiunta, ma a portata di mano.

Dott.ssa Martina De Angelis

Neuropsicomotricista, Referente di Intervento IAA, TAA e EAA

Martina De Angelis

Martina De Angelis Psicoterapeuta dell'Età Evolutiva | Responsabile delle Attività AAA e Referente di Intervento EAA. Ama i piccoli pazienti e i cavalli.... allora non poteva che collaborare con il nostro Centro di Riabilitazione Equestre

Leave Comment